..perche' ci si puo' scaldare il cuore...anche solo con le parole.

domenica 4 settembre 2011

LE TIGELLE DI MODENA


Dopo le piadine,sono stata incuriosita dalla fattura di queste graziose e gustose tigelle,regine,fra le rustiche specialita' dell'Appennino modenese;sono le famose crescentine,oggi comunemente chiamate tigelle.In passato,venivano impastate con farina di grano,latte,acqua ed un prodotto lievitante.Si lasciavano lievitare e poi si sagomavano dei dischi di 10/15 cm di diametro.All'epoca,si cuocevano nel fuoco del camino e tra una crescentina e l'altra,si poneva una foglia di castagno essiccata,formando una torre,mentre si aspettava la cottura
davanti al focolare e ci si dimenticava i problemi e la fatica della dura vita di quei tempi.


Fonte e ricetta


Ingredienti:


500 gr farina 00
(anche la 0 per pane va bene)
12 gr lievito di birra 
3 cucchiai di olio extravergine d'oliva
200 ml acqua
100 ml latte
sale
(io su 500 gr farina metto 11 gr sale fino)


Preparazione:


*la ricetta,prevede la fontana di farina e l'amalgama degli ingredienti in un certo modo;io per pizze,pane e questo tipo di preparazioni,uso questo metodo:


In una coppa capiente stemperate il lievito,aggiungendo,pian piano l'acqua ed il latte,unite l'olio ed amalgamate bene.A poco a poco,aggiungete la farina,a cui avrete mescolato il sale e fate assorbire i liquidi,aiutandovi con un cucchiaio di legno.Quando la pasta,si stacchera' dalle pareti della coppa,trasferitela sul piano di lavoro ed impastatela appena qualche minuto.Copritela e fatela riposare,in luogo tiepido,per 1 ora.Trascorso questo tempo,riprendete l'impasto e lavoratelo ancora  per poco e fate lievitare ancora per 30 minuti.Quindi stendete la pasta,dello spessore di 5 mm,ritagliate dei dischetti del diametro di 6 cm circa e fateli lievitare ancora per 30 minuti.Riscaldate su entrambi i lati,l'apposito utensile per le tigelle(se non l'avete una buona padella antiaderente come la mia,va bene) e cuocete le tigelle,per 2/3 minuti.Consumatele ancora calde,imbottite con i salumi e formaggi,che piu' vi piacciono.Buon appetito!!!!










quest'articolo è stato pubblicato da:

9 commenti:

  1. Non esiste una mostra dei piatti tipici, Eli?
    Potresti partecipare alla grande...

    Buona domenica con bacioni.

    RispondiElimina
  2. ti sono riuscite, perfette..e chissà che buone!!!!!!!buonissima domenica! un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. una volta le ho comprate al super:ORRIDE!Sapevano tantissimo di lievito,queste invece si che son tigelle!!!Ti vien voglia di addentarle all'istante,statt accort Elisabè,ti potrei mordere!!!Ciaciò complimenti pure per il mattarello,aivoglia a tirar sfoglie,mi sembra quello delle sfogline!!E con una tigella in bocca e un'altra in tasca,ti do un baciotto e vado a infornare una bella focaccia pugliese :)))!!Buona domenica tesò!!

    RispondiElimina
  4. Sfiziose questi tigelle e carino il tuo blog, mi sono subito iscritta tra i tuoi lettori fissi, passa da me se ti va, ciao SILVIA

    RispondiElimina
  5. Ciao cara ricambio subito la tua visita felice d conoscere qualche altra persona che come me ama la cucina... passerò a trovarti spesso!

    RispondiElimina
  6. Carissima tu sei una forza con il pane, queste tigelle sono fantastiche mi segno la ricetta appena rinfresca le farò qui ancora si crepa per il caldo :(
    Un bacione Anna

    RispondiElimina
  7. Che buoni devono essere , non le ho mai fatte o assagiate!

    RispondiElimina
  8. Sono meravigliose!!! Bellissimo post!!!
    Voglio provare anch'io!!!!!
    Quanto sei bravaaaaaaa!!!!!!
    Felice settimana!!!

    RispondiElimina
  9. Ma son ottime.. ti son venute benissimo!!! io le gradirei con una fettina di provolone e prosciutto grazie!!! hihihihih baci e buon lunedì :-)

    RispondiElimina

benvenuti nel mio blog!!grazie per i vostri commenti,ma anche per i vostri consigli o critiche!!ho sempre voglia d'imparare..da ognuno di voi ;))
i commenti anonimi verranno cancellati :)

Non è permesso lasciare link per pubblicizzare raccolte e contest!!


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
Testi e immagini pubblicati in questo blog sono di proprietà dell'autore e sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.
Non autorizzo la pubblicazione delle immagini in alcuno spazio della rete.
Non autorizzo la pubblicazione delle ricette in alcuno spazio della rete senza il link al blog e/o alla ricetta originale.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails