..perche' ci si puo' scaldare il cuore...anche solo con le parole.

mercoledì 27 maggio 2015

TRICOTTI CON LIEVITO MADRE IMPASTATI A MANO - BISCOTTI SICILIANI



Posso dire con estrema franchezza,che appena ho visto questi biscotti,ho avuto un fremito al cuore...mi hanno ricordato la mia infanzia...la loro origine è siciliana,infatti la ricetta è della bravissima amica del blog Mani amore e fantasia; ma il mio ricordo è legato a questi biscotti rustici,dorati e cicciottelli,perche' mio zio,da Castellammare(NA) me ne faceva dono,ogni volta che veniva a trovarci...li chiamano,i biscotti ra Maronn...li preparano con l'acqua delle loro terme...sono identici,anche come sapore...ecco la ricetta di questi,siciliani,appunto,che,come racconta la mia amica,venivano cotti,nel forno a legna e dati ai bimbi piccoli,per aiutarli nella fase della dentizione,per via della loro croccantezza...

lunedì 11 maggio 2015

PANGOCCIOLI CON LIEVITO MADRE IMPASTATI A MANO


Da un po' di tempo,grazie alle notizie che girano in rete
riguardo il famigerato olio di Palma,che,oltre ad essere
responsabile della deforestazione,del sud-est asiatico, pare faccia male alla salute,sto molto attenta, a molti prodotti(è onnipresente in moltissime preparazioni da forno);
probabilmente,fidandomi dei grandi marchi,non sempre ho guardato con attenzione, la lista degli ingredienti...ora lo faccio e pensate, che nei pangoccioli, della piu' famosa marca,in assoluto,addirittura, è presente l'olio di colza...
ho fatto una ricerca...nei secoli scorsi,lo usavano per accendere i lampioni stradali...per cui...occhi aperti e
chi puo'...mani in pasta!!

lunedì 4 maggio 2015

PANE CON LIEVITO MADRE E FARINA DI GRANO ARSO IMPASTATO A MANO


Qualche cenno storico che riguarda il grano arso...

In tempi ormai remoti, quando il grano veniva raccolto a mano, le stoppie venivano bruciate e i chicchi, pochi, caduti a terra si bruciacchiavano. I latifondisti concedevano ai contadini il privilegio di raccogliere questi chicchi e di tenerseli (oggi si direbbe benefit). Dopo la macinatura, con la farina ricavata si confezionavano focacce e vari tipi di pasta. Era il “grano arso”.
Oggi questo tipo di raccolta è proibito perché il grano bruciato in quel modo è cancerogeno, ma anche se non lo fosse il costo della raccolta sarebbe proibitivo. Il “grano arso” moderno è semplicemente tostato al punto giusto per ottenere quel tipico sentore di affumicato.
Per far risaltare il caratteristico gusto della pasta è opportuno abbinarla a condimenti dal sapore delicato.
La pasta va confezionata nel solito modo, farina, acqua, un pizzico di sale. Un’avvertenza importante: bisogna miscelare due parti di farina di grano duro rimacinata con una parte di farina di grano arso per ottenere la giusta quantità di glutine. L’area d’origine di questa pasta è probabilmente il Foggiano (considerato da sempre il “granaio d’Italia”). I formati sono i tipici pugliesi, per lo più “strascinati” e “fusilli”.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
Testi e immagini pubblicati in questo blog sono di proprietà dell'autore e sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.
Non autorizzo la pubblicazione delle immagini in alcuno spazio della rete.
Non autorizzo la pubblicazione delle ricette in alcuno spazio della rete senza il link al blog e/o alla ricetta originale.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails